Scroll Top

DENTRO E FUORI IL PERIMETRO DELL’ASCOLTO

ruminazio 020
Tempo di lettura: < 1 minuto

RUMINATIO SINODALE – 20– ASCOLTARE

Ventesima ruminatio sinodale sul secondo tema del Sinodo universale: l’ascolto.

C’è un perimetro circolare entro il quale ogni singola persona si sente più a suo agio e dentro il quale le risulta più facile riconoscere e gestire le cose della sua piccola storia personale. Non è questione di chiusura al mondo, piuttosto di prolungamento del proprio IO dentro spazi e tempi a propria misura.

Oggi abbiamo certo possibilità di usare tanti strumenti tecnologici per uscire da noi stessi, dai nostri perimetri personali, e per raggiungere persone e situazioni presenti in diversi punti geografici a noi fisicamente lontani. Ma non siamo altrettanto disponibili a subire l’invasione esterna degli stessi media. Accoglienza e ingresso in noi della voce del mondo è la risultanza di quanto lascia passare il filtro naturale di ciascuno, una sorta di controllo innato e di allarme per qualcosa in arrivo non chiaramente gradito e di difesa da potenziali invasioni nel delicato mondo del nostro vissuto profondo. Quindi?

Fatta salva la necessità e l’importanza di preservare in ogni momento il perimetro intimo dell’ascolto, oggi a ciascuno si pone l’urgenza di ritessere relazioni empatiche oltre i confini della propria pelle sociale; relazioni che aiutino a sviluppare molto di più la propria capacità di entrare in contatto con il «mondo fuori» e, così, reimparare ad ascoltare la voce del contesto sociale e culturale in si vive.

Questo diventa un imperativo etico, evangelico per chi è credente per davvero; e tutto spinge a superare la linea del perimetro di auto protezione soggettiva, per ridare senso e prospettiva alle relazioni e storie di casa e di gruppo, a quelle professionali o di appartenenza a realtà aggreganti che danno luce e vita alla identità personale di ciascuno.

È una svolta importante, dentro questo inevitabile cambio d’epoca.

Buona settimana